Cellulare alla guida, quali sono le sanzioni?

0
1549

Quali sono le sanzioni per chi guida mentre è al cellulare? Scopriamo insieme l’ammontare della multa e in quali casi viene ritirata la patente di guida.

Perché è pericoloso parlare al cellulare mentre si guida?

Quando si guida, è meglio evitare di conversare al telefono o di utilizzare lo smartphone. Il motivo è semplice: al volante ci si distrae facilmente riducendo i tempi di reazione ed aumentando la probabilità di fare un incidente. Un’abitudine piuttosto diffusa tra gli automobilisti: secondo le statistiche, si calcola che in Italia tre incidenti su quattro sono dovuti alla distrazione di chi guida. Si calcola che il 27% degli incidenti che ogni anno avvengono sulle strade ed autostrade italiane siano dovuti al cellulare.

Il Codice della Strada vieta di utilizzare il cellulare alla guida, ricordiamolo. L’articolo 173 sancisce che “è vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore […]. È consentito l’uso degli apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie.”

Cellulare alla guida: a quanto ammontano le sanzioni?

Se si viene beccati alla guida mentre si utilizza il cellulare, cosa succede? C’è una multa da pagare, ovviamente.

La multa va dai 160 ai 650 euro, cinque punti decurtati dalla patente e sospensione della patente da 1 a tre mesi se l’automobilista viola la norma una seconda volta nel corso dei due anni successivi alla sanzione. I punti sottratti dalla patente di guida a causa della multa vengono restituiti al guidatore dopo due anni se questo rispetta il Codice della Strada, senza compiere di nuovo lo stesso errore. Diventa necessario ripetere l’esame della patente entro 30 giorni dalla multa se la decurtazione dei 5 punti a seguito dell’applicazione della sanzione azzera i punti sulla patente del guidatore multato.

Dal 2017 le multe sono diventate più salate per i recidivi del cellulare alla guida: la sanzione amministrativa può arrivare fino a 2.588 euro e fino a sei mesi di sospensione della multa.

Cellulare alla guida: si rischia la revoca della patente?

Le sanzioni per l’infrazione della norma n.173 del Codice della Strada sono chiare: multa dai 161 ai 647 euro, ritiro della patente da 1 a 3 mesi e decurtazione di 5 punti dalla stessa.

Anche se è stato proposto più volte, anche in sedi istituzionali, la revoca della patente di guida per chi utilizza il cellulare alla guida non è qualcosa di attuabile.

Cellulare alla guida: contestazione, ricorsi e sconti sulle sanzioni

Solitamente, chi viene sanzionato per un’infrazione alla guida ottiene uno sconto del 30% sul totale dell’importo da pagare. Chi viene colto sul fatto mentre utilizza il cellulare alla guida (ma anche al semaforo!) non ha scampo, deve pagare.

L’unica eccezione la presenta il Codice della Strada quando, con l’articolo 200, sancisce che per essere valida una multa deve essere contestata immediatamente da chi effettua la contravvenzione.

Quando la multa per l’uso del cellulare alla guida viene emessa è importante non solo segnalare la targa di chi ha effettuato la contravvenzione ma, anche, specificare il motivo per il quale l’automobilista non è stato fermato in quel momento. La notifica di contestazione deve essere contestuale al reato.

Insomma, stare qui ad elencare i motivi per cui il cellulare alla guida risulta pericoloso è abbastanza inutile. Ricorda, la sicurezza alla guida prima di tutto. Cosa ne pensi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here