Come verificare le multe non pagate?

0
56
multe codice della strada

Si stima che in Italia l’ammontare complessivo delle sanzioni stradali superi i 3 miliardi di euro all’anno. Basti pensare che, nella Milano pre-Covid, bastava un anno di sanzioni per arrivare a introiti pari a circa 180 milioni di euro. Del resto prendere una multa non è affatto difficile. É sufficiente dimenticarsi di avere lasciato l’auto su un’area di sosta soggetta a disco orario, oppure parcheggiare in divieto di sosta per una “velocissima” commissione. O ancora, basta avere il piede un po’ pesante, superando di pochi chilometri orari il limite di velocità previsto per quel tratto stradale. Del resto sono proprie le multe di velocità quelle che pesano maggiormente sulle tasche degli italiani, per via della giungla di autovelox fissi e mobili presenti sulla rete stradale italiana; da questo punto di vista, i dispositivi COYOTE per l’allerta autovelox (e non solo) possono essere preziosi per ridurre al minimo il rischio di multe. Ma non si parla solo di divieti di sosta e di velocità: pensiamo agli ingressi sbagliati in ZTL, ai semafori rossi e via dicendo. A peggiorare le cose c’è il fatto che tante multe vengono notificate a settimane di distanza, lasciando quindi l’automobilista in un “limbo”. Come è possibile controllare in anticipo le sanzioni a proprio carico? E come verificare le multe non pagate?

Quando le multe vengono spedite per posta

C’è un motivo se ci si domanda come verificare le multe non pagate o non ancora notificate: non sempre le sanzioni vengono contestate immediatamente dalle Forze dell’Ordine. Questo accade nonostante ci sia una regola generale che impone agli agenti di procedere alla contestazione istantanea dell’infrazione tutte le volte in cui questo risulti possibile. Ma talvolta ovviamente non è possibile procedere in questo senso. Si pensi per esempio alla multa per eccesso di velocità: non avrebbe alcun senso obbligare gli agenti a “rincorrere” con le sirene accese il trasgressore, creando peraltro ulteriore pericolo. Si pensi poi alle situazioni in cui l’inseguimento risulti impossibile, per via di semafori o ingorghi. E ancora, la multa viene notificata a casa quando la violazione viene accertata attraverso dispositivi elettronici, quali per l’appunto autovelox e sensori ZTL. È diverso il caso delle multe relative alle soste vietate: qui la contestazione è sì immediata, ma tipicamente in assenza del trasgressore, con la sanzione che viene lasciata direttamente sul veicolo.

Dopo quanti giorni la multa non notificata può essere annullata

Capita a volte di vedere il flash dell’autovelox, oppure di avere il dubbio di avere passato un incrocio un momento dopo che la luce gialla aveva lasciato il posto alla luce rossa. Ecco, in quei casi, nelle settimane successive, si “attende” la multa. Ma quanto tempo passa dall’accertamento della trasgressione alla notifica? Ebbene, possono passare anche diverse settimane. Il Codice della Strada ci dice però che c’è un tempo massimo, oltre il quale la multa può essere annullata attraverso un ricorso. Si parla infatti di un limite di 90 giorni dall’accertamento dell’infrazione al timbro postale di spedizione. Il Codice della Strada recita a questo proposito che «l’obbligo di pagare la somma dovuta per la violazione, a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria, si estingue nei confronti del soggetto a cui la notificazione non sia stata effettuata nel termine prescritto».

Come verificare le multe in anticipo?

Torniamo nella situazione vista poco fa, ovvero in quello scenario in cui si ha il sospetto (ma non la certezza) di essere stati colti mentre si trasgrediva il Codice della Strada. Un flash improvviso che “sembrava” quello dell’autovelox può far vivere settimane di dubbio. Come verificare quindi in anticipo, prima della notificazione, la presenza di multe a proprio carico? Esiste un registro telematico da consultare in cui è possibile vedere elencate le contravvenzioni a proprio carico, anche quelle che non sono state ancora inviate per posta? Purtroppo la risposta è no: non esiste ancora nessuno strumento di questo tipo a servizio del pubblico.

L’alternativa potrebbe essere quella di rivolgersi direttamente alle Forze dell’ordine. Il problema è che non è affatto detto che loro abbiano delle fonti a cui attingere. Nella maggior parte dei casi anche loro non avranno nessuna informazione in merito. Nel caso di una presunta multa per alta velocità in arrivo, infatti, si potranno avere settimane e settimane di attesa prima che i numeri della targa vengano identificati e successivamente collegati a un nominativo. Insomma, l’unico modo certo sapere se ci sono multe a proprio carico è quello di attendere i famosi 90 giorni. Va peraltro detto che, in alcuni casi, andare a chiedere informazioni presso l’organo che ha elevato la sanzione potrebbe persino essere controproducente per l’automobilista. In questo modo si potrebbe infatti finire per “accelerare” la procedura, la quale di per sé potrebbe invece procedere lentamente, superando il periodo massimo per la notifica.

Come verificare le multe non pagate?

E se invece il dubbio fosse quello di avere a che fare con delle sanzioni già notificate ma non pagate? Come verificare le multe non pagate? Il problema qui è diverso. Pensiamo per esempio a chi, magari dopo essere stato in spiaggia, vede che tutte le auto intorno alla sua presentano una multa per divieto di sosta. Che il foglietto sia volato via? O pensiamo a chi ha appoggiato una busta verde sul mobiletto d’ingresso, per poi dimenticarsene per giorni e non trovarla più. O a chi, invece, ha il dubbio di non aver pagato affatto una multa notificata settimane o mesi prima. È fondamentale in questi casi controllare se ci sono sanzioni non pagate: per fortuna in questo caso esiste una procedura semplice e immediata. Basta infatti collegarsi al sito dell’Agenzia delle Entrate e, entrando nella propria area riservata, scoprire quelli che sono i debiti a proprio carico nei confronti dello stato. Lì si troveranno eventualmente anche le opzioni per il pagamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here