Guidare con la nebbia: come farlo in sicurezza?

1
1418
guidare con la nebbia

L’autunno è arrivato, e porta con sé il calo delle temperature, l’accorciarsi delle giornate e sì, anche lei, la nebbia. Nelle sterminate pianure della Val Padana, ma anche in tutte le conche e in tutte le valli della penisola, la nebbia in autunno e in inverno è una componente tutt’altro che rara. Incontrare dei banchi di nebbia durante i nostri spostamenti in auto, quindi, non è affatto difficile. In queste situazioni guidare diventa leggermente più complesso: non si contano, infatti, gli incidenti dovuti proprio alla scarsa visibilità. Con una nebbia densa, infatti, diventa difficile scorgere le macchine davanti a noi, le curve, gli ostacoli e persino i pedoni. Ogni anno, nei mesi più freddi dell’anno, la nebbia torna dunque a mietere vittime, con tamponamenti a catena, uscite di strada e impatti violenti. Nonostante questo, va sottolineato che guidare con la nebbia in modo sicuro è senz’altro possibile: è sufficiente seguire i consigli giusti.

Informarsi prima di mettersi in viaggio

Soprattutto nel caso di spostamenti medio-lunghi, è buona norma informarsi sempre prima di partire, così da conoscere in anticipo le condizioni meteorologiche che si potranno incontrare. Perché andare a cena in quel ristorantino disperso in mezzo ai campi a un’ora da casa in una buia notte nebbiosa, quando anche il ristorante in centro a pochi metri ci stuzzicava in egual modo? Chi deve fare lunghi viaggi può partire preparato chiamando il Call Center Viabilità al numero 840.04.21.21, oppure consultando gli avvisi sul portale di Autostrade per l’Italia. Anche collegarsi ai giusti canali radio prima di mettersi in viaggio, del resto, può essere una buona idea. I giornali radio della Rai, per esempio, mandano in onda regolarmente i notiziari Onda Verde, dedicati proprio alla viabilità; altro servizio puntuale è ViaRadio, gestito da RTL 102.5 in collaborazione con Autostrade per l’Italia. In entrambi i casi, sarà possibile avere notizie fresche sulle condizioni – meteorologiche ma non solo – sulle principali strade urbane ed extraurbane italiane.

Controllare l’automobile

Nel momento in cui si avrà il sospetto o la certezza di dover guidare con la nebbia, sarà certamente il caso di controllare la propria automobile prima di mettersi in viaggio. Il nostro veicolo dovrebbe essere sempre in perfetta forma, con tutte le luci funzionanti, con l’impianto frenante in buono stato, con gli pneumatici con un battistrada sufficiente e via dicendo. Tutto questo è doppiamente valido quando ci si trova a guidare con la nebbia, in quanto i rischi vengono moltiplicati. Meglio perdere qualche secondo e controllare il funzionamento di tutte le luci – fari fendinebbia anteriori e posteriori compresi. Non basta tra l’altro accertarsi che le lampadine funzionino: a far bene, infatti, si dovrebbero anche pulire i fari, eliminando polvere, fango ed eventuali insetti che ne compromettono il fascio di luce. Nel dubbio, vale la pena di controllare anche il funzionamento dei tergicristalli e dell’aria condizionata. In caso di nebbia, infatti, è frequente la formazione di condensa all’interno della macchina, e in particolare sul parabrezza. In questa situazione, per non compromettere ulteriormente la visibilità, è consigliabile dunque accendere l’aria calda sul parabrezza per disappannare il vetro. Infine, è bene sincerarsi di avere a bordo un dispositivo come COYOTE, pronto ad avvisarci in tempo di tutti i pericoli che potremmo incontrare sulla strada, perturbazioni climatiche comprese.

Guidare con la nebbia: diminuire la velocità

La prima cosa da fare nel momento in cui ci si trova a guidare con la nebbia è diminuire la velocità del veicolo. Non è un caso se, in autostrada, in generale il limite di velocità si abbassa a 50 chilometri orari quando la visibilità è inferiore ai 100 metri. Il motivo è semplice: con una nebbia grigia e densa è impossibile vedere quello che succede metri davanti alla nostra automobile, e dunque le possibilità di tamponare altri veicoli è molto alta. A questo va aggiunto il fatto che anche le macchine che ci procedono potrebbero avere dei problemi nell’avanzamento, trovandosi magari a dover frenare improvvisamente in mezzo alla strada. Il consiglio, quindi, è quello di ridurre concretamente la velocità, aumentando la distanza di sicurezza dalle macchine che si trovano davanti. È altrettanto consigliabile evitare di avere dei veicoli che seguono troppo vicini: se un’automobile in caso di nebbia insiste nello stare attaccata al nostro paraurti, è sempre il caso di accostare favorendone il sorpasso.

Il trucco, quindi, sta sempre nel regolare la propria velocità al ribasso, tenendo in attenta considerazione quelli che sono i segnali di pericolo presenti lungo la strada. Un prezioso aiuto, in questo senso, proviene come anticipato dai dispositivi COYOTE, che possono colmare la mancanza di visibilità con i loro avvisi in tempo reale. Oltre a segnalare la presenza di autovelox e di tutor, infatti, questi dispositivi segnalano in anticipo eventuali ostacoli sulla strada, come code e incidenti.

Come utilizzare i fendinebbia

Il principale strumento di difesa delle nostre automobili contro la nebbia sono ovviamente i fari fendinebbia, i quali però, per essere efficaci e non pericolosi, devono essere usati nel modo giusto. Non si sottolinea infatti mai abbastanza che questi fari speciali non devono essere accesi tutte le volte che ci si trova a guidare con la nebbia. Quando si incontra solo una leggera foschia, questi fari non devono essere accesi, in quanto superflui per la nostra guida e pericolosi per le altre macchine, proprio per la potenza del loro fascio di luce. Proprio per questo motivo il Codice della Strada punisce con multe da un minimo di 41 euro fino a un massimo di 168 euro tutti gli automobilisti che usano questi dispositivi in modo scorretto. Ecco dunque che i fari antinebbia vanno sì usati, ma solo quando la visibilità è inferiore ai 100 metri, per poi spegnerli immediatamente non appena la situazione migliora.

Con questi piccoli accorgimenti, è possibile guidare con la nebbia in sicurezza. Un ultimo consiglio: per avere la massima concentrazione sulla strada e sui segnali del dispositivo COYOTE, quando la visibilità è più bassa, meglio spegnere la radio, per non distrarsi in alcun modo!

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here