Pneumatici auto: perché possono far risparmiare?

0
213
Risparmiare con gli pneumatici
Risparmiare con gli pneumatici

Quando si parla di pneumatici e di risparmio, nella maggior parte dei casi, si pensa a quello che è possibile risparmiare acquistando gomme di marche meno conosciute. In realtà, per risparmiare davvero, non ci si dovrebbe limitare a considerare il prezzo d’acquisto delle gomme. Sarebbe invece necessario analizzare anche la loro efficienza. Alcune gomme, infatti, sono meno efficienti, e finiscono per aumentare i consumi dell’auto; altre, al contrario, permettono di ridurre l’utilizzo di carburante Quindi sì, è davvero possibile risparmiare con gli pneumatici giusti: vediamo come fare!

Risparmiare con gli pneumatici: si parte dall’etichetta europea

Il primo dato importante per riuscire a risparmiare con gli pneumatici è quello indicato dall’etichetta europea. Questa, va detto, è nata non tanto per indicare un risparmio economico, quanto invece per individuare gli pneumatici più rispettosi dell’ambiente. Ma le due cose, si sa, corrono in parallelo: uno pneumatico che abbassa i consumi, infatti, riduce anche le emissioni nocive, e viceversa.

L’etichetta europea va quindi a classificare gli pneumatici in base alle emissioni di anidride carbonica, fornendo una scala che va dalla A alla G, con la G intesa come la peggiore delle posizioni. Si parte quindi dalle gomme di classe A, che permettono di emettere meno di 120 grammi di anidride carbonica ogni chilometro, per arrivare infine alle gomme di classe G. Queste ultime, le meno efficienti, portano a delle emissioni superiori ai 225 grammi per chilometro. Se ne desume quindi che gli pneumatici di classe A permettono un risparmio di carburante consistente. Rispetto alle gomme di classe G, gli pneumatici della classe più alta possono farci risparmiare fino al 7,5%.

Ridurre i consumi con le gomme giuste: altri fattori

L’etichetta europea è però solo il primo di tanti fattori da prendere in considerazione per capire come risparmiare con gli pneumatici. Ci sono infatti altri aspetti da valutare al momento dell’acquisto, anche in base all’utilizzo concreto che si farà dell’automobile. Come abbiamo detto altre volte, è necessario pensare al clima, o meglio, alle temperature in cui si troveranno a lavorare le gomme. Delle gomme invernali di qualità risulteranno estremamente efficienti durante la stagione invernale, ma non potranno che rivelarsi scadenti per un utilizzo estivo. L’efficienza delle gomme dell’auto può inoltre essere garantita solo e unicamente se sull’asse vengono montate degli pneumatici della stessa tipologia, e con il medesimo livello di usura. In caso contrario, oltre ad aumentare i consumi, crescerà anche l’instabilità del veicolo. E ancora, è bene assicurarsi che le gomme scelte siano compatibili con il veicolo, secondo quanto riportato nel libretto.

Infine, è necessario informarsi circa il coefficiente di resistenza al rotolamento. Va infatti sottolineato che le gomme, al contatto con il suolo e per via del peso del veicolo, tendono a deformarsi leggermente, con una conseguente perdita di energia. In questo caso, per l’appunto, si parla di “resistenza al rotolamento”. Un coefficiente di rotolamento alto (che viene espresso spesso con la sigla RRC) determina un maggiore consumo di carburante.

Ora sai come scegliere i migliori pneumatici per risparmiare davvero durante i tuoi spostamenti. E ricordati: anche la scelta del percorso è fondamentale per ridurre i consumi. I navigatori COYOTE sono sempre pronto a indicarti gli itinerari migliori!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here