Rimorchio auto: cosa dice il Codice della Strada?

0
389
rimorchio auto

Cosa dice il Codice della Strada a proposito del rimorchio auto? Talvolta lo spazio della nostra automobile, semplicemente, non è sufficiente. Ecco allora che si inizia ad accarezzare l’idea di moltiplicare lo spazio a disposizione con un rimorchio, e quindi con un carrello che possa essere trainato dal veicolo stesso. Ma qual è la definizione di rimorchio auto nel Codice della Strada? Quante diverse tipologie di rimorchio auto esistono? Quali sono le speciali regole di utilizzo? E quale patente è necessario avere per trainare un rimorchio con la propria automobile? Vediamolo insieme.

Il rimorchio auto secondo il Codice della Strada

Nel Codice della Strada troviamo un’ampia trattazione delle regole relative all’uso del rimorchio auto. Qui troviamo infatti le varie tipologie di carrelli, le possibili destinazioni, i limiti di portata, i limiti di velocità, le patenti necessarie e via dicendo. All’articolo 56 del Codice viene sottolineato che i rimorchi possono essere trainati da diverse tipologie di motrice, quali gli autoveicolo a 4 ruote, i mototrattori e i motoarticolati, e infine i filoveicoli (eccezion fatta per gli autosnodati).

Va detto che il Codice della Strada – all’articolo 54 comma 1 – definisce come “autotreno” tutti i veicoli che trainano un rimorchio, così da poter indicare delle regole speciali per questa ampia categoria di mezzi. L’unica eccezione è costituita dai carrelli appendice i quali non vengono considerati come un vero e proprio rimorchio, e non danno dunque vita a un autotreno. Vediamo ora quali tipologie di rimorchio auto sono previste dal Codice della Strada.

Le tipologie di rimorchio.

Va detto che i rimorchi auto vengono differenziati dal Codice della Strada prima di tutto in base alla loro destinazione. Una distinzione preliminare può dunque essere fatta tra i rimorchi per il trasporto di persone e i rimorchi per il trasporto di cose. I primi, per essere a norma, devono avere almeno due assi, o appartenere eventualmente alla categoria dei semirimorchi. Con quest’ultimo termine, all’articolo 56 del Codice della Strada, al comma 3, si indicano quei particolari rimorchi che vanno a sovrapporsi in parte all’unità motrice. Se quindi il semplice rimorchio viene trainato per mezzo dell’apposito gancio di traino, nel caso dei semirimorchi la motrice sopporta una buona parte del peso del carrello. Una tipologia del tutto peculiare di rimorchio auto è costituita dai caravan, ovvero dalle roulotte. Si parla in questo caso di rimorchi a uno o a due assi, che presentano un telaio e degli accessori tali da presentare un alloggio mobile – da utilizzare però esclusivamente a veicolo fermo. Ci sono poi i rimorchi speciali, destinati per esempio al trasporto di specifiche attrezzature sportive. È questo il caso dei rimorchi barca, che possono di fatto ospitare solo imbarcazioni, o dei rimorchi per gli alianti. Non devono poi essere considerati come dei rimorchi veri e propri i rimorchi appendice, ovvero i rimorchi leggeri a due ruote con massa massima a pieno carico non superiore ai 750 chilogrammi.

I limiti relativi alle dimensioni dei rimorchi auto

Quanto può essere grande un rimorchio auto? Come vedremo di seguito, la massa del rimorchio influenza in modo diretto il tipo di patente necessaria. E per quanto riguarda le dimensioni massime? All’articolo 61 del Codice della strada viene affermato che l’autotreno, ovvero l’insieme costituito dal veicolo trainante e il rimorchio, non può in nessun caso superare i 12 metri. Partendo dal presupposto che una normale auto adibita al trasporto di carrello è lunga tra i 4 e i 5 metri, la lunghezza massima di un rimorchio potrà essere di circa 7 metri. Nel caso di autosnodati e di autoarticolati, invece, la lunghezza massima totale viene portata a 16,50 metri, ed eccezionalmente, su determinati percorsi, a 18 metri. Chi trasgredisce queste regole relative alle dimensioni massime va incontro a sanzioni comprese tra i 421 euro e i 1.691 euro.

I limiti di velocità per auto e rimorchio

In qualità di autotreno, l’automobile che traina un rimorchio deve sottostare a degli speciali limiti di velocità sulle strade extraurbane. Nello specifico il limite di velocità massimo previsto per le strade fuori dai centri abitati è di 70 chilometri orari, laddove nel caso delle autostrade il limite è posto a 80 chilometri orari. Questi limiti non valgono invece per i carrelli appendice, i quali come si è è vesto non vengono considerati come dei rimorchi.

Le patenti necessarie per guidare auto con rimorchio secondo il Codice della Strada

In linea di massima è possibile trainare un rimorchio auto con la sola patente B, senza dunque richiedere una patente superiore o esami specifici. Ma non è sempre così: all’aumentare della massa del rimorchio trainato, infatti, cambiano i requisiti. Vediamo dunque quali patenti sono necessarie per trainare le varie tipologie di rimorchio auto.

  • Patente B: con la patente B è possibile guidare un’auto che traina un rimorchio con massa massima autorizzata non superiore a 750 kg. Il rimorchio, in realtà, può superare questa soglia, a patto che la massa massima autorizzata dall’autotreno così costituito non superi i 3.500 chilogrammi.
  • Patente B96: nel caso in cui la combinazione superi i 3.500 chilogrammi, restando però al di sotto dei 4.250 chilogrammi, sarà necessario dotarsi di una patente B96, un’alternativa della patente BE
  • Patente BE: con la patente BE è possibile guidare veicoli trainanti rimorchi e semirimorchi con massa massima autorizzata fino a 3.500 chilogrammi, con massa massima complessiva dell’autotreno fino a 7.000 chilogrammi.

Ci sono poi come è noto la varie patenti C (C, C1, C1E e CE) e D (D, D1, D1E e DE). Questo discorso, però, supera in buona parte il discorso relativo ai normali rimorchi auto per uso privato: con la patente D, per esempio, è possibile trainare ai veicoli di questa categoria (autobus) rimorchi fino a 750 chilogrammi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here