Sanificazione dell’aria condizionata: perché farla?

0
517
Sanificazione dell'aria condizionata

Dimenticarsene è facile. Eppure ricordarsi della sanificazione dell’aria condizionata dell’auto è molto importante, tanto più che il costo di questa operazione è decisamente ridotto, soprattutto pensando a quello di altri interventi di manutenzione regolari. Di fatto, la qualità dell’aria che respiriamo nella nostra auto dipende in gran parte dalla salute del filtro dell’aria condizionata, un elemento introdotto per ridurre la quantità di polveri, di pollini e di smog nell’abitacolo. Si pensi che il primo filtro dell’aria condizionata è stato introdotto nel 1987 da Saab come optional, mentre da anni si parla ormai di un elemento standard su qualsiasi veicolo. Di fatto, le strade per ristabilire regolarmente la qualità dell’aria in auto sono due: o si prevede con la sostituzione del filtro, o si procede con la sanificazione dell’aria condizionata.

Perché la sanificazione dell’aria condizionata è importante?

Ci sono tanti ottimi motivi per procedere con la sanificazione dell’aria condizionata dell’auto. Ma il presupposto è sempre uno: durante il suo funzionamento, l’impianto di areazione e di condizionamento dell’auto non può che aspirare anche polveri, batteri, pollini e via dicendo, che finiscono per accumularsi a livello del filtro e non solo. Sanificare l’aria condizionata vuol dire per l’appunto “pulire” e igienizzare l’impianto, così da rendere l’abitacolo dell’auto un ambiente più salubre. Di certo dovrebbero prestare una particolare attenzione alla pulizia e alla sanificazione dell’aria condizionata tutte le persone allergiche, ai pollini e non solo, così da ridurre al minimo la presenza di allergeni in auto. Ma anche le persone che non hanno allergie dovrebbero pensare alla qualità dell’aria respirata in auto. Tanto più, va sottolineato, che un impianto di condizionamento pulito non produce cattivi odori, né d’estate né d’inverno. E ancora, avere un flusso d’aria ottimale permette inoltre di evitare gli appannamenti dei vetri durante la marcia. Ma come procedere con la sanificazione dell’aria condizionata?

Come sanificare l’impianto di climatizzazione dell’auto

Per igienizzare il sistema di ventilazione che permette di raffrescare e di riscaldare l’auto in base alle nostre esigenze esistono due metodi. Ci sono infatti sia delle bombolette spray apposite, sia dei detergenti per climatizzatori. La bomboletta spray presenta una sonda che deve essere infilata nei condotti dell’aria, per andare a igienizzare una dopo l’altra tutte le bocchette di ventilazione presenti nell’auto. Il detergente igienizzante per climatizzatore invece prevede un’applicazione più semplice e veloce, ma il risultato è tendenzialmente meno soddisfacente rispetto a quello delle bombolette con sonda.

Quando sostituire il filtro dell’aria

La sanificazione dell’impianto di climatizzazione dell’auto dovrebbe essere effettuata ogni anno. Ma non è sufficiente: spesso è necessario anche pulire direttamente il filtro dell’aria, usando un aspirapolvere e utilizzando una schiuma specifica. Altre volte e condizioni del filtro sono tali da richiederne la sostituzione, sapendo che in commercio esistono diverse tipologie di filtri: si parla di volta in volta dei normali filtri in cotone e microfibra, di filtri ai carboni attivi e di filtri antiallergici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here