Targhe internazionali: ecco l’elenco completo

0
11
targhe internazionali elenco

Le targhe delle auto sono prima di tutto un obbligo. In Italia la prima legge che rendeva necessario dotare i veicoli di una targa arrivò nel 1897, con un Regio Decreto che imponeva l’uso di targhe comunali. Ed ecco che allora, l’anno successivo, il Comune di Milano rese attiva questa regola, imponendo ai propri cittadini dotati di auto l’uso di una targa. Su di essa doveva essere presente il nome del proprietario dell’auto, accompagnato dal numero della licenza emessa dal comune. Tale targa, peraltro, non doveva essere posizionata frontalmente o nel retro dell’auto, quanto invece sulla fiancata sinistra. Solo successivamente, nel 1901, si decise di creare delle targhe composte dal nome dalle provincia e dal numero di licenza. Ecco che allora vi si poteva leggere “Milano 23”, “Roma 46”, e via dicendo. Insomma, le prime targhe automobilistiche erano molto diverse da quelle che conosciamo oggi, e questo vale sia per le targhe italiane che per le targhe internazionali.

Ma per alcuni le targhe sono più di un obbligo: ci sono tante persone che infatti sono particolarmente interessate a queste “stampe”, tanto da renderle degli oggetti da collezione. E per l’appunto tra le più ambite ci sono quelle italiane e storiche, nonché quelle internazionali, a partire per esempio dalle targhe statunitensi. Le quali peraltro molto spesso riportano delle grafiche del tutto particolari, oltre alla stringa alfanumerica. Ma come riconoscere le targhe internazionali dell’auto quando il nome dello stato non è scritto per intero e in modo chiaro? Ecco la lista di tutte le sigle che si possono trovare sulle targhe internazionali.

Elenco delle sigle delle targhe internazionali

Ecco tutte le sigle delle targhe automobilistiche estere, a partire dalla “A” della targa austriaca, per arrivare alla sigla “ZW” delle targhe dello Zimbabwe. Alcune, relative ai paesi europei vicini di casa, sono assolutamente note e familiari . Altre invece sono del tutto sconosciute, non avendo mai visto circolare auto di tanti paesi lontani.

A – Austria

AFG – Afghanistan

AG – Antigua e Barbuda

AL – Albania

AM – Armenia

AND – Andorra

ANG – Angola

AUS – Australia

AZ – Azerbaigian

B – Belgio

BD – Bangladesh

BDS – Barbados

BF – Burkina Faso

BG – Bulgaria

BH – Belize

BHT – Bhutan

BIH – Bosnia ed Erzegovina

BOL – Bolivia

BR – Brasile

BRN – Bahrein

BRU – Brunei

BS – Bahamas

BW – Botswana

BY – Bielorussia

C – Cuba

CAM – Camerun

CDN – Canada

CGO – Repubblica Democratica del Congo

CH – Svizzera

CHN – Cina

CI – Costa d’Avorio

CL – Sri Lanka

CO – Colombia

COM – Comore

CR – Costa Rica

CV – Capo Verde

CY – Cipro

CZ – Repubblica Ceca

D – Germania

DJI – Gibuti

DK – Danimarca

DOM – Repubblica Dominicana

DY – Benin

DZ – Algeria

E – Spagna

EAK – Kenya

EAT – Tanzania

EAU – Uganda

EC – Ecuador

ER – Eritrea

ES – El Salvador

EST – Estonia

ET – Egitto

ETH – Etiopia

F – Francia

FIN – Finlandia

FJI – Figi

FL – Liechtenstein

FSM – Micronesia

G – Gabon

GCA – Guatemala

GE – Georgia

GH – Ghana

GQ – Guinea Equatoriale

GR – Grecia

GUY – Guyana

H – Ungheria

HKJ – Giordania

HN – Honduras

HR – Croazia

I – Italia

IL – Israele

IND – India

IR – Iran

IRL – Irlanda

IRQ – Iraq

IS – Islanda

J – Giappone

JA – Giamaica

K – Cambogia

KIR – Kiribati

KP – Corea del Nord

KS – Kirghizistan

KSA – Arabia Saudita

KWT – Kuwait

KZ – Kazakistan

L – Lussemburgo

LAO – Laos

LAR – Libia

LB – Liberia

LS – Lesotho

LT – Lituania

LV – Lettonia

M – Malta

MA – Marocco

MAL – Malaysia

MC – Monaco

MD – Moldavia

MEX – Messico

MGL – Mongolia

MH – Isole Marshall

MNE – Montenegro

MOC – Mozambico

MS – Mauritius

MV – Maldive

MW – Malawi

MYA – Birmania

N – Norvegia

NAM – Namibia

NAU – Nauru

NC – Nuova Caledonia

NEP – Nepal

NIC – Nicaragua

NL – Paesi Bassi

NMK – Macedonia del Nord

NZ – Nuova Zelanda

OM – Oman

P – Portogallo

PA – Panama

PAL – Palau

PE – Perù

PK – Pakistan

PL – Polonia

PNG – Papua Nuova Guinea

PS – Palestina

PY – Paraguay

Q – Qatar

RA – Argentina

RC – Taiwan

RCA – Repubblica Centrafricana

RCB – Repubblica del Congo

RCH – Cile

RE – Riunione

RG – Guinea

RGB – Guinea-Bissau

RH – Haiti

RI – Indonesia

RIM – Mauritania

RKS – Kosovo

RL – Libano

RM – Madagascar

RMM – Mali

RN – Niger

RO – Romania

ROK – Corea del Sud

RP – Filippine

RSM – San Marino

RU – Burundi

RUS – Russia

RWA – Ruanda

S – Svezia

SCN – Saint Kitts e Nevis

SD – Eswatini

SGP – Singapore

SK – Slovacchia

SLO – Slovenia

SME – Suriname

SN – Senegal

SO – Somalia

SOL – Isole Salomone

SRB – Serbia

SSD – Sudan del Sud

STP – São Tomé e Príncipe

SUD – Sudan

SY – Seychelles

SYR – Siria

T – Thailandia

TCH – Ciad

TG – Togo

TJ – Tagikistan

TL – Timor Est

TM – Turkmenistan

TN – Tunisia

TO – Tonga

TR – Turchia

TT – Trinidad e Tobago

TUV – Tuvalu

UA – Ucraina

UAE – Emirati Arabi Uniti

UK – Regno Unito

USA – Stati Uniti

UY – Uruguay

UZ – Uzbekistan

V – Città del Vaticano

VN – Vietnam

VU – Vanuatu

WAG – Gambia

WAL – Sierra Leone

WAN – Nigeria

WD – Dominica

WG – Grenada

WL – Saint Lucia

WS – Samoa

WV – Saint Vincent e Grenadine

YAR – Yemen

YV – Venezuela

Z – Zambia

ZA – Sudafrica

ZW – Zimbabwe


Targhe automobilistiche estere obsolete

Negli anni ci sono stati diversi cambiamenti nelle sigle usate nelle targhe internazionali automobilistiche, per i più diversi motivi. Nel 2021, per esempio, la sigla della targa britannica è passata da GB a UK. O ancora, la vecchia targa della Romania era semplicemente R, ed è stata cambiata nel 1981 in RO. La targa delle automobili dell’Unione Sovietica era SU, mentre in Jugoslavia nel corso degli anni si sono avvicendate diverse sigle. La prima era semplicemente Y, indicando il Regno di Jugoslavia, per poi sparire e lasciare spazio alle nuove sigle nazionali, peraltro mutate nel tempo. Ci sono tanti altri stati che hanno visto cambiare la sigla più volte. Si pensi allo Zaire: fino al 1980 fu ZR, per diventare ZRE fino al 1997, anno in cui diventò CGO, quando lo stato cambiò nome in Repubblica Democratica del Congo.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here